testata ADUC
Come evitare le truffe quando si acquista un animale domestico online
Scarica e stampa il PDF
Vita da cani di Redazione
14 gennaio 2021 12:25
 
Per molti, la pandemia è stata un'esperienza solitaria. Per questo si potrebbe essere tentati di cercare in Internet un nuovo compagno animale. Un cucciolo, un gattino o anche un uccello esotico, i compagni animali possono alleviare lo stress di trascorrere periodi prolungati in casa.
In un mio recente studio, ho rilevato che ci sono migliaia di siti Web di animali domestici e di venditori truffatori. Creati da criminali informatici, vendono animali che non esistono.

Come funziona
Il meccanismo è abbastanza semplice e ci sono alcuni primi segnali di allarme per individuarli. Sono generalmente organizzati in due fasi: un gancio e una puntura.
Nella prima, creano fiducia con messaggi scritti che promettono articoli per il benessere degli animali e documentazione post-vendita. Foto e video rubati ad allevatori legittimi vengono spesso inviati per convincere che l'animale esiste. Lo scopo è il pagamento di un deposito, di solito non rimborsabile.
Una volta agganciato l'ignaro acquirente, il truffatore passa alla seconda fase, la puntura. I truffatori hanno in genere un secondo sito Web, un corriere di animali domestici con cui chiederanno più soldi per maggiori spese. Il costo più comune è per una sorta di gabbietta rimborsabile, spesso "a temperatura controllata" nonostante gli aerei siano pressurizzati e climatizzati nelle loro zone merci.
Una vittima mi ha raccontato di aver pagato 10.000 dollari a seguito di un incidente aereo e bisognava far fronte a costi legali significativi. Di solito, questi truffatori si rivolgono agli acquirenti solo in paesi geograficamente grandi come Usa, Australia e Canada, dove normalmente non si incontra l’animale prima dell'acquisto. Action Fraud nel Regno Unito ha recentemente segnalato di consumatori truffati per oltre £ 280.000 durante due mesi, poiché gli acquirenti, causa pandemia, non avevano incontrato il pet prima dell’acquisto.

Un problema in crescita
Queste truffe non sono un problema nuovo. Lo “US Better Business Bureau” ha rilevato in uno studio del 2017 che fino all'80% dei siti web che vendevano di animali domestici erano truffe. Si stima che questi numeri siano in aumento. Le denunce presentate all'US Better Business Bureau, ad esempio, sono quadruplicate tra il 2017 e il 2020 fino a oltre 4.000. Per chi cerca di acquistare un pet online, soprattutto durante la pandemia, per scoprire se si sta interagendo con un truffatore è bene fare una chat video con il venditore. In circostanze normali, è meglio vedere prima l'animale di persona.
Una buona risorsa per i potenziali acquirenti è il mio sito, petscams.com, il più grande dedicato alle frodi in materia. Un buon metodo antitruffa sarebbe anche indagare ed eliminare i domini web truffaldini. Precedenti esperienze su siti web farmaceutici fraudolenti, ad esempio, hanno scoperto che chi accetta le registrazioni di questi domini sono spesso gli stessi e di dubbia onestà.

(da un articolo di Jack Mark Whittaker - PhD Candidate, Sociology of Cybercrime, University of Surrey – su The Conversation del 13/01/2021)
 
CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
 
 
VITA DA CANI IN EVIDENZA
 
AVVERTENZE. Quotidiano dell'Aduc registrato al Tribunale di Firenze n. 5761/10.
Direttore Domenico Murrone
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori