testata ADUC
I gatti sono dei gran pigri, la scienza lo conferma
Scarica e stampa il PDF
Vita da cani di Redazione
9 agosto 2020 12:10
 
 Nel 1963, uno psicologo degli animali osservò un'andatura sorprendente nei ratti. Tra cibo ottenuto sena fare niente e quello ottenuto impegnandosi, questi animali hanno scelto la seconda opzione. Questo comportamento, chiamato contrafreeloading, è stato poi testato in molte altre specie. Animali da laboratorio (piccioni), animali selvatici ma in cattività (orsi, scimpanzé) e animali domestici (mucche, maiali, cani). Ogni volta, è stato preferito grasso di gomito per trovare cibo.

Tranne che nei gatti. Questo è il risultato di uno studio presentato alla conferenza virtuale della Animal Behaviour Society. "Esistono diverse teorie sul motivo per cui gli animali" hanno questo comportamento, spiega Mikel Delgado, coautore dello studio, "tra cui la noia in un ambiente in cattività, la stimolazione di comportamenti naturali di foraggiamento o la creazione di una sensazione di controllo sull'ambiente e sui risultati ”.

I ricercatori hanno dato a 18 gatti domestici un puzzle alimentare e un vassoio con il cibo. "Non è che i gatti non abbiano mai usato il puzzle, lo hanno semplicemente usato di meno, ne hanno mangiato di meno e generalmente hanno mangiato prima il cibo disponibile senza dover fare nessuno sforzo", osserva Mikel Delgado. Risultati che non indicano alcun segno di contrafreeloading nei nostri felini da divano.

(articolo di Eléonore Solé del 08/08/2020, pubblicato su Futura-Planète)
 
CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza economica sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
 
 
VITA DA CANI IN EVIDENZA
 
AVVERTENZE. Quotidiano dell'Aduc registrato al Tribunale di Firenze n. 5761/10.
Direttore Domenico Murrone
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori