testata ADUC
Le relazioni del mondo animale con quello umano
Scarica e stampa il PDF
Vita da cani di Redazione
7 luglio 2021 8:44
 
Cani, gatti, capre, scimpanzé... Se li guardiamo con i nostri occhi umani, anche loro ci osservano con i loro occhi da animale. "Noi facciamo l'antropomorfismo, il cane il sinomorfismo e così via", sottolinea Cédric Sueur, docente di etologia presso l'Hubert Curien Multidisciplinary Institute. Il che significa che ogni specie decifrerà le azioni dell'altra attraverso le proprie percezioni e soggettività.
Senza accesso a un linguaggio interspecie, gli scienziati sono costretti a fare "inferenze" sul comportamento o sui pensieri di un animale, riferisce Sarah Jeannin, psicologa e dottore in etologia. “Ogni specie fa ipotesi. Deduciamo le cose dal comportamento dell'altro, con il rischio di trovarci di fronte a interpretazioni errate poiché non possiamo né confermare né smentire ciò che pensiamo." Quindi la scienza accumula conoscenza. Da interpretare al meglio. A questo scopo sono a disposizione dei ricercatori diverse tecniche: analisi comportamentale, ovviamente, ma anche eye-tracking o risonanza magnetica. "Osserviamo quali aree del cervello sono attivate, se sono le stesse aree degli umani", dice Sarah Jeannin. Ad esempio, sappiamo che le aree dedicate al riconoscimento dei volti umani nei cani non sono le stesse che si attivano guardando i volti dei congeneri."

Come vengono percepiti gli esseri umani?
All'interno di ogni specie animale, gli individui non percepiscono gli umani allo stesso modo. Gli individui di una specie cacciati in un luogo temeranno gli umani, mentre la stessa specie altrove cercherà la presenza umana. "Questo è ciò che accade con i macachi giapponesi", specifica Cédric Sueur che ricorda che "la maggior parte dei mammiferi è capace di riconoscimento individuale". Nonostante ciò, accade che un'intera specie identifichi l'essere umano con un concetto particolare. I delfini, per esempio. "Vengono a vedere gli umani quando sono feriti, come se sapessero che potrebbero essere curati", osserva l'etologo.
Raccogliendo questo tipo di informazioni, i ricercatori acquisiscono una migliore comprensione delle capacità degli animali. Questo porta a "interagire meglio con gli animali" e, in definitiva, a "integrarli meglio nelle nostre società".

"Apprendimento per tentativi ed errori"
Sebbene lo stesso problema persista: non abbiamo né accesso alla loro lingua né accesso a una lingua comune - con rare eccezioni, alcuni primati possono imparare la lingua dei segni. "Ci sono strategie comportamentali che vengono messe in atto dove il cane si rende conto che l'umano non ha capito cosa voleva dire", sostiene Cédric Sueur. Ma rimane "imparando per tentativi ed errori" dove l'animale sperimenta soluzioni finché non ne trova una che funziona... o una che non dovrebbe essere rifatta. Perché la maggior parte delle specie non ha nozione di moralità.
“Nei primati ci sono gli inizi della moralità. Ma nel gatto o nel cane... Ha fatto qualcosa di sbagliato, viene punito, quindi sa che non deve farlo di nuovo. E si ferma lì.
Questo stratagemma vale anche per la comunicazione. "I miagolii di gatto sono stati sviluppati per comunicare con gli umani, raramente compaiono tra i gatti", ricorda Sarah Jeannin. Per quanto riguarda i cani, ad esempio, hanno imparato a guardare negli occhi gli umani. “Sanno che in questo modo attirano la tua attenzione. Sta di fronte a te perché sa che se è dietro o di lato, potresti non prestargli attenzione. Se non ascolti, abbaierà. Sviluppa una serie di comportamenti per comunicare con gli umani. "

(Eléonore Solé su Futura-Planète del 06/07/2021)
 
CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
 
 
VITA DA CANI IN EVIDENZA
 
AVVERTENZE. Quotidiano dell'Aduc registrato al Tribunale di Firenze n. 5761/10.
Direttore Domenico Murrone
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori