testata ADUC
Vita da cani. Il canguro cerca di comunicare con l’umano come fosse un cane
Scarica e stampa il PDF
Vita da cani di Redazione
26 dicembre 2020 15:01
 
 La leggenda vuole che il canguro abbia ereditato il suo nome da un malinteso. Da un malinteso tra il naturalista inglese Joseph Banks e un nativo. "Gangurru", quest'ultimo avrebbe risposto all'europeo indicando questo animale a lui sconosciuto. Un termine che significa "non ti capisco" che il naturalista ha interpretato come il nome dell'animale. Quindi trascritto in "kangooroo".
Tutti conoscono il canguro oggi. E dopo Skippy, alcuni sognano addirittura di farne il loro migliore amico. Ma gli specialisti mettono in guardia contro il suo comportamento selvaggio. Gli australiani lo vedono persino come un parassita che distrugge gli ecosistemi e la biodiversità. Perché oggi sull'isola/continente ci sono molti più canguri che abitanti. Più di 47 milioni secondo i conteggi ufficiali.
Accusato di aver rubato mangime al bestiame, danneggiato automobili e recinzioni, provocando incidenti stradali, il canguro è diventato per molti il ??nemico pubblico numero uno. L'animale da macellare.

Tutto è nello sguardo
In questa atmosfera negativa, i ricercatori dell'Università di Roehampton (Regno Unito) e dell'Università di Sydney (Australia) hanno scelto di osservare il canguro in modo diverso. Risultato, una sorpresa: anche l'animale ha posato su di loro uno sguardo diverso ... Lo sguardo che conosciamo bene col nostro cane. Lo sguardo di chi, di fronte a un problema che non sa risolvere, chiede aiuto all'uomo.
Qual era il problema? Del cibo irraggiungibile, chiuso in una scatola. Inaccessibile al canguro. Ma occasione per incoraggiare gli umani a dare loro una mano. E non ci è voluto altro ai ricercatori per osservare nell'animale selvatico comportamenti di comunicazione intenzionale. Occhi fissi che vanno dall'umano ... alla scatola ... poi di nuovo all’umano.
Prova, per i ricercatori, di capacità cognitive che pensavano fossero riservate per molto tempo agli animali domestici. E certamente il canguro non è un animale domestico. Okay, era per procurarsi del cibo. Forse anche il risultato di uno spazio vitale condiviso con l'umano. Ma ancora una volta, gli animali vengono a mettere in discussione le nostre idee sulla loro intelligenza. Chiedendo il nostro aiuto per affrontare un problema insolubile per lui, il canguro ci mostra che è ... non così stupido!

(Di Nathalie Mayer su Futura-Planète del 25/12/2020)

Qui il video anche su Youtube



 
CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
 
 
VITA DA CANI IN EVIDENZA
 
AVVERTENZE. Quotidiano dell'Aduc registrato al Tribunale di Firenze n. 5761/10.
Direttore Domenico Murrone
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori