testata ADUC
Vita da cani. Cosa passa nella testa dei cuccioli?
Scarica e stampa il PDF
Vita da cani di Redazione
19 giugno 2021 11:01
 
 Hai sempre sognato di sapere, fin da quando erano cuccioli, cosa succedeva nella mente dei tuoi piccoli amici a quattro zampe? Un nuovo studio condotto da un team australiano è stato appena pubblicato sulla rivista Animal Behavior e fornisce molti dati descrittivi riguardanti la cognizione dei cuccioli. Per comprendere meglio la portata di questo studio, abbiamo intervistato Florence Gaunet, ricercatrice in etologia cognitiva, specializzata in cognizione canina presso il Laboratorio di Psicologia Cognitiva (Centro Nazionale di Ricerca Scientifica e Università di Aix-Marseille).

Dati che mancavano
Questo studio su larga scala ha effettuato test di batteria su 168 cuccioli, di età compresa tra 8 e 10 settimane. Il suo obiettivo era misurare la reazione dei cuccioli alle diverse esperienze al fine di dedurre la presenza o l'assenza di determinate facoltà cognitive in età molto giovane, in cuccioli che non hanno ancora avuto familiarità con il contatto umano: "Questo studio ha un grande vantaggio rispetto ad altri studi sul merito: valuta molte materie e molti aspetti della cognizione”, precisa Florence Gaunet. I ricercatori sono stati in grado di evidenziare diverse abilità cognitive nei giovani cuccioli, come la comprensione dei gesti direzionali o il richiamo della loro memoria di lavoro. Florence Gaunet è entusiasta dei risultati di questo esperimento: “Mancavano dati descrittivi sulla cognizione dei cuccioli e nessuno studio a mia conoscenza era stato ancora condotto su questo argomento. È quindi una manna dal cielo avere tali risultati”.

L'ontogenesi dei cuccioli, ancora un mistero da chiarire
Tuttavia, nel loro articolo, i ricercatori si spingono un po' oltre la semplice descrizione. Suggeriscono che i loro risultati stanno alimentando il dibattito sullo sviluppo cognitivo dei cuccioli. Su questo punto Florence Gaunet è scettica: “In primo luogo, non c'è un gruppo di controllo in questo studio. È difficile trarre conclusioni solide in termini di sviluppo senza diversi gruppi di controllo in cui si varierebbero fattori di confusione che potrebbero distorcere i risultati”. La specialista continua nella sua recensione: “La finestra temporale che hanno scelto è troppo breve per poter concludere qualcosa sull'ontogenesi dei cuccioli. Inoltre, sono cuccioli provenienti da condizioni di allevamento specifiche, destinati a essere futuri cani da assistenza. Non può quindi informarci sul naturale sviluppo cognitivo dei cuccioli in generale”.

Esperimenti da fare
Quindi quali esperimenti servirebbero per risolvere il grande dibattito sulle capacità cognitive innate o acquisite nei cuccioli? Florence Gaunet ha le sue idee sulla questione: “Dovremmo seguire per molto tempo gruppi di età diverse, cresciuti nello stesso luogo. Potremmo quindi variare fattori come l'esposizione agli umani, le interazioni con la madre, la razza dei cuccioli, ecc. e concludere con dati più certi”. La ricercatrice suggerisce che ci sono risultati consistenti che finora puntano nella direzione di un importante effetto di apprendimento: "Ci sono stati esperimenti condotti su lupi allevati contro cani non allevati e anche al contrario. "In età adulta, questi risultati tendono piuttosto a dimostrare che le capacità cognitive sono principalmente mediate dall'apprendimento dagli umani", conclude.

(Julien Hernandez su Futura Planète del 18/06/2021)
 
CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
 
 
VITA DA CANI IN EVIDENZA
 
AVVERTENZE. Quotidiano dell'Aduc registrato al Tribunale di Firenze n. 5761/10.
Direttore Domenico Murrone
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori