testata ADUC
Vita da cani. Il vostro pet riflette il vostro stato di salute?
Scarica e stampa il PDF
Vita da cani di Redazione
20 dicembre 2020 17:20
 
Le nostre piccole palle di pelo, che si sono presi cura di noi durante i lockdowm, rifletterebbero il nostro stato di salute? Ciò è suggerito da un recente studio del British Medical Journal sul diabete e i proprietari di cani. Cosa dice questo studio? Vediamo un po’.

Il punto di partenza: le correlazioni passate
Come è nata l'idea di realizzare uno studio del genere a questi scienziati svedesi e britannici? Semplicemente perché c'erano già informazioni da studi trasversali che mostravano una correlazione tra l'adiposità degli animali domestici, in particolare i cani, e quella del loro padrone. Una delle ipotesi avanzate per spiegare queste correlazioni è stata la condivisione di comportamenti dannosi per la salute come l’alimentazione e lo stile di vita sedentario. Allo stesso modo, esistono correlazioni tra gli esseri umani che vivono insieme. Se il tuo partner sviluppa il diabete di tipo 2, sei maggiormente a rischio di svilupparne uno. Ovviamente, questo tiene conto solo dei fattori di rischio che possono essere condivisi, come i determinanti ambientali e socio-economici.

Il metodo: uno studio prospettico
I ricercatori di diversi dipartimenti universitari (scienze mediche, scienze agrarie, scienze veterinarie ed ecologiche, epidemiologia medica e biostatistica, scienze chirurgiche e ortopediche) di diverse città (Upsalla, Liverpool e Stoccolma) hanno quindi intrapreso uno studio prospettico longitudinale consistente nella raccolta di dati. su parametri precisi (in questo caso l'insorgenza del diabete) seguendo una popolazione nel tempo per un massimo di sei anni. Dopo lo screening utilizzando criteri di esclusione, nello studio sono state incluse 208.980 coppie proprietario-cane e 123.566 coppie proprietario-gatto. Le persone nate dopo il 1961 sono state escluse dal campione perché sono meno a rischio di sviluppare il diabete di tipo 2.

Risultati: sì per i cani, no per i gatti
Un'associazione tra diabete di tipo 2 animale e proprietario è stata trovata solo nei proprietari di cani con un aumento del rischio del 4-68% quando i risultati sono adeguati per diversi fattori con elementi rilevanti. Tra i proprietari di gatti, non è possibile vedere alcuna correlazione. Gli autori cercano di spiegarlo con uno scarso accordo tra l'attività fisica del proprietario e del gatto rispetto all'attività fisica del proprietario e del cane.
Tuttavia, lo studio presenta limitazioni significative, come informazioni incomplete sull’alimentazione e sull'attività fisica dei proprietari, pregiudizi di sorveglianza nelle persone che conoscono i sintomi del diabete dopo averli osservati nel loro cane o in loro stessi, la mancata identificazione dei diabetici non curati dal punto di vista medico o il fatto che le persone incluse nello studio avevano i mezzi per avere un serio e regolare monitoraggio veterinario della salute del proprio animale.

Allora cosa possiamo concludere da questo studio? Non molto, tranne il fatto che condividere alcuni aspetti dello stile di vita con il proprio animale domestico potrebbe aumentare leggermente l'insorgenza del diabete di tipo 2 in entrambi. Quindi, è bene fare attenzione all’alimentazione del proprio cane e a muoversi con lui, prendendosi cura della propria salute e di quella del proprio quattrozampe.

(da un articolo di Julien Hernandez su Futura-Santé del 20/12/2020)
 
 
VITA DA CANI IN EVIDENZA
 
AVVERTENZE. Quotidiano dell'Aduc registrato al Tribunale di Firenze n. 5761/10.
Direttore Domenico Murrone
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori